Discariche sonore.

“L’aggressione sonora” è un’ esperienza comune a tutti, raramente rivendichiamo i nostri diritti alla ”quiete” forse perché il rumore è invisibile, oppure perché si associa al divertimento.

L’inquinamento acustico è ancora considerato in secondo piano rispetto a quello ambientale.

E’ un paradosso che in molto Paesi, Italia inclusa, siano applicate con rigore le leggi riguardanti il mondo del lavoro, lasciando però in ostaggio dei Decibel il resto: tempo libero, vacanze, cene, incontri con gli amici.

Il rumore continuo, che si produce all’interno delle pareti dei locali pubblici (bar, hotel, ristoranti, pub ) frequentati da molte persone contemporaneamente è causato principalmente da impianti di condizionamento obsoleti, motori refrigeranti, cappe di aspirazione e la stessa presenza dei clienti porta la soglia dei Decibel ad innalzarsi considerevolmente.

Si crea così un sottofondo che porta a problemi di salute per chi lavora in questi locali, a una diminuzione del tempo di sosta del cliente e a una riduzione dei consumi e degli introiti.

Gli spazi pubblici diventano delle vere e proprie “discariche sonore”.

Per riportare il “confort acustico” all’interno dell’ambiente e la riduzione del “fenomeno del Riverbero” 2B Resine propone il posizionamento di un certo numero di pannelli fonoassorbenti “Ekoff” a parete e a soffitto. Una volta conosciuti i parametri fonometrici si potrà procedere alla “soluzione acustica migliore” sia dal punto di vista funzionale che da un punto di vista estetico che rispecchi l’architettura degli spazi considerati.

Richiedi informazioni

Nome e Cognome (richiesto)

Email (richiesto)

Messaggio